Home  
  
  
    Perché abbiamo la parole "sulla punta della lingua"?
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Perché abbiamo la parole "sulla punta della lingua"?

(4/6)

Spesso ci accade di avere una parola sulla punta della lingua, la sensazione che sia vicinissima e che eppure ci sfugga. Ciò deriva dal fatto che la nostra memoria delle parole è divisa in due comparti:

· La memoria lessicale, che rappresenta un glossario dei termini che conosciamo, con la loro ortografia e pronuncia fonetica, ma senza il significato; 

· La memoria semantica, che contiene il significato delle parole.

Ovviamente le due componenti sono legate: a una parola della memoria lessicale corrispondono una o più definizioni della memoria semantica. "Nella maggior parte delle persone la memoria semantica è più efficiente, più facile da richiamare", puntualizza Alain Lieury. A volte quindi il nostro cervello trova nella memoria semantica il significato della parola che cerchiamo, senza però trovare la parola stessa nella memoria lessicale: l'idea è lì, ma non la sua "etichetta", per cui non riusciamo a verbalizzarla! Alain Lieury consiglia un metodo per i vuoti di memoria: "Passa in rassegna tutte le lettere dell'alfabeto: la parola dovrebbe venirti in mente quando arrivi alla lettera corrispondente".

Newsletter