Home  
  
  
    La dieta GIFT
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

La dieta GIFT

(10/11)

La dieta GIFT è il metodo alimentare ideato da due fratelli, i dottori Attilio e Luca Speciani. GIFT è l’acronimo di Gradualità, Individualità, Flessibilità e Tono, ovvero i principi base su cui si fonda la dieta che intende riequilibrare la salute psico-fisica. Per un’azione efficace, la GIFT prevede l’attivazione metabolica, la calma insulinica e la qualità dei nutrienti.

Pro

La dieta GIFT non si basa sul controllo delle calorie ma valuta il consumo degli zuccheri semplici e complessi ed esige il rispetto di 10 regole (indice glicemico; abbondanza di frutta e verdura; assunzione di fibra indigeribile; freschezza e biologicità dei cibi; crudità e trattamenti di cottura blandi; scelta preferenziale di cibi integrali; colore dei cibi; digeribilità dei cibi; rotazione degli alimenti verso i quali vi siano intolleranze; riduzione al minimo di cibi raffinati o impoveriti; riduzione al minimo di cibi conservati, alterati, aromatizzati; rifiuto dei grassi idrogenati). Con tale metodo è possibile lavorare sul metabolismo e conservare la massa muscolare eliminando, con gradualità, la massa grassa e la ritenzione idrica.

Contro

La dieta GIFT prevede una colazione ricca e completa, un pranzo equilibrato e una cena leggera, oltre a una sessione di attività fisica giornaliera. Purtroppo in molti vanno in palestra dopolavoro, sarà davvero possibile concedersi una cena light? Altro aspetto negativo: il dimagrimento avviene in maniera lenta e graduale.

Alimenti

La GIFT punta sulla qualità, la biologicità e la digeribilità degli alimenti. Ok a cibi crudi o cotti in maniera blanda, frutta e verdura, cibi per cui l’organismo è strutturato, rinunciando alle preparazioni industriali di bassa qualità e con additivi alimentari.

Voto: 7/10

Buona nelle sue regole, ma la GIFT presuppone anche un test per il controllo delle intolleranze. Attenzione però esistono alcuni test che costano molto e non servono a nulla. Le intolleranze alimentari note sono poche e spesso capita che a causa di una ipersensibilità a un macronutriente, si escludano tutta una serie di categorie merceologiche di cui invece si ha bisogno. Il consiglio è quello di prediligere un’alimentazione variata.

Newsletter